Prev | Next 1/6


 

ISTITUTO EUROPEO PER LA MONTAGNA - Roana


Concorso Internazionale di Idee
Progetto: Mario Tessarollo, capogruppo, con arch. M. Muttin, arch. P. Micheletto, arch. R. Cason
2008

Il progetto prevede il riutilizzo dei volumi esistenti entro i quali verranno insediate le funzioni direttive, ricettive e parte delle funzioni di supporto. L’aggiunta di un nuovo volume, contrapposto a quelli esistenti, conterrà una sala riunioni con sala esposizione.
La contrapposizione tra i volumi esistenti e quello di nuova edificazione formerà una piazza, questa avrà un andamento (in sezione longitudinale) curvilineo. La sala conferenze, in sezione, sarà contenuta tra l’abbassamento della piazza e una sinuosa copertura che ricorderà le “dolci” montagne presenti sullo sfondo.
La curvatura della piazza, la sinuosa copertura, divengono percorsi e spazi pedonali nei quali ci si potrà muovere e stabilire continui e diversi rapporti altimetrici con l’intorno.
Le pareti perimetrali saranno costituite da un doppio rivestimento in vetro in grado di garantire, al proprio interno, la circolazione naturale dell'aria e la collocazione, in alcuni punti, di essenze arboree o di frangisole verticali adatti a regolare l’irraggiamento o ad oscurare, in caso di proiezioni, la sala conferenze. Lo strato esterno vetrato è pensato in sole lastre di vetro a tutta altezza prive di telaio e quindi di grande leggerezza visiva.
L'edificio così pensato, trasparente e sensibile ai fattori climatici, intensificherà lo stato di benessere estetico degli occupanti, consentirà la percezione del clima esterno del luogo e dei mutamenti giornalieri e stagionali.
Sono previsti dei parcheggi interrati, al termine di essi è prevista la collocazione dei vani tecnologici centralizzati e collegati ad un eventuale ed ipotizzabile campo solare, costituito da pannelli fotovoltaici e solari termici, in sostituzione dei regolari campi dei vivai esistenti a sud del centro.
Le altre funzioni previste saranno inserite negli edifici esistenti i quali saranno interamente ristrutturati.
L’edificio centrale del corpo est sarà svuotato, ed assumerà la funzione di “porta di ingresso” al sistema..
A sud dell’edificio-ingresso, è previsto l’inserimento del polo direttivo. I tre edifici saranno messi in connessione funzionale tra di loro da un sistema lineare di percorsi orizzontali e verticali. Tali corpi lineari, previsti in vetro con struttura controventante sempre in vetro, saranno rivestiti da una leggera pelle di frangisole verticali in legno che lascerà trasparire le funzioni. Tale sistema, oltre ad avere una funzione di collegamento dei corpi di fabbrica e di collegamento con l’autorimessa interrata, ordinerà i prospetti in un unico fronte e costituirà anche un fronte concluso sul piazzale di accesso al sistema.
A nord dell’edificio-ingresso, è prevista la realizzazione della biblioteca con annesse aule di studio/formazione e archivio. Sopra alla biblioteca è prevista la realizzazione di un residence con 15 piccoli appartamenti duplex, questi direttamente collegati al polo direttivo tramite il percorso in quota che attraversa l’edificio-ingresso.
La rimanente parte della struttura ricettiva (albergo-ristorante e bar) è prevista nel corpo di fabbrica a nord dell’edificio-ingresso e occuperà l’ala est, il corpo centrale e l’ala ovest della rimanente edificazione.