Prev | Next 1/25


foto Paolo Utimpergher

RISTRUTTURAZIONE RESIDENZIALE IN CENTRO STORICO


Project: Mario Tessarollo
2005

L’abitazione è costituita dall’accorpamento di due proprietà, da un lato viene recuperata la parte storica di origine cinquecentesca, dall’altro un nuovo volume sostituisce una cadente preesistenza. Il nuovo volume rivendica la sua identità tipologica e formale e va a racchiudere una zona a patio, questo volume contiene la zona cucina ed è collegato alla parte storica con un passaggio di vetro, la copertura piana è trattata a verde. La divisione tra il piccolo giardino e la zona cucina è costituita da un muro a sacco privo di legante, memoria del vecchio muro in sasso di fiume che divideva le due proprietà.
Bianco totale e luce caratterizzano le essenziali geometrie della casa; grandi vetrate, che permettono di percepire tutta la zona giorno da qualsiasi punto e ampi lucernari inondano di luce gli interni. La scala a mensole di estrema leggerezza lascia filtrare ai piani bassi la luce che viene dalle aperture in copertura. I serramenti, specificatamente pensati e disegnati dal progetttista per questa casa, sono realizzati in metallo con telaio coperto da vetro in modo da ottenere complanarità tra serramento e parete. I grandi scorrevoli della zona patio sono in acciaio tinto di bianco mentre le parti fisse sono delle lastre inserite tra pavimento e soffitto e prive di telaio.

The house results from the unification of two properties, a historical part built in the 16th century, now restored, and a new volume replacing an existing and deteriorated one. This new volume claims its own typological and formal identity and closes a patio area. It accommodates the kitchen area and is connected to the historical section by a glazed passage. The flat roof has a green treatment. The partition between the small garden and the kitchen area is a “muro a sacco” (a wall without binding agent) conceived as a homage to the wall made of river pebbles that used to divide the two properties.
The essential geometries of the house are defined by sheer white and light; the large glass windows reveal the living areas from every point of view while light floods the interiors from the large skylights. Filtering through the extremely slender stair, the light enters from the roof openings and reaches the lower levels. The window frames, specifically designed by M. Tessarollo for this house, are in glazed metal so that the opening is flush with the wall. The patio’s large sliding doors are in white-painted steel while the fixed parts are frame-less plates inserted between floor and ceiling.